A proposito

ELCONUM (Elaborazione in collaborazione di una collezione patrimoniale informatizzata) è un progetto di cooperazione europea cofinanziato dal programma “Europa creativa – Cultura” dell’Unione Europea.

Logo Creative Europe Culture

Il progetto è diretto dal laboratorio di ricerca InVisu dell’Istituto Nazionale di Storia dell’Arte e del CNRS. Vi cooperano università dell’Italia (Università di Firenze), della Spagna (Università d’insegnamento a distanza di Melilla) e dell’Algeria (Università di Tizi Ouzou). Ad esso è pure associata l’impresa ARISTEAS  specializzata nella ideazione di strumenti multimediali e nella pubblicazione di libri d’arte.

Questo sito ha la vocazione di raccogliere conoscenze nuove (archivi, fotografie, lavori…) sulla architettura algerina e sui protagonisti della costruzione (architetti, decoratori, imprenditori edili, proprietari) attivi nel territorio dell’Algeria tra il XVI e il XX secolo.

Il progetto copre un ampio arco temporale e s’interessa agli archivi prodotti da tre paesi: Spagna, Francia e Italia. Questi ultimi hanno in effetti operato in modi diversi alla costruzione di edifici in Algeria, dall’architettura militare spagnola edificata a partire dal XVI secolo lungo il litorale algerino, dall’architettura concepita da studi d’architettura e da imprese di costruzioni – principalmente francesi – durante l’epoca coloniale (1830-1962) alle realizzazioni degli studi di architettura italiani che hanno lavorato dopo l’indipendenza dell’Algeria nel 1962.

La responsabilità di questo sito è soltanto dei sui autori e la Commissione europea non è responsabile dell’uso che potrebbe essere fatto delle informazioni che vi sono contenute.